Truck Driver: non paragonatelo a ETS2

Il titolo è volutamente provocatorio, ma mi premeva sottolineare un aspetto importante visto che come il nome suggerisce, con Truck Driver parliamo di un gioco di camion. Il fatto è che siccome Euro Truck Simulator 2 è il titolo più conosciuto di questa categoria, si tende ad usarlo come metro di paragone per ogni altro titolo che metta il giocatore al volante di un camion. Fare certi paragoni può essere sbagliato, perché non necessariamente ogni gioco di camion punta allo stesso target di utenza di ETS2 (o ATS).

Il mercato videoludico ci insegna che è possibile trattare un determinato argomento con approcci differenti. Prendiamo i giochi in cui si pilota un aereo, non è che devono essere tutti come DCS… ci sono anche titoli più arcade, titoli come War Thunder ecc e sono titoli che non avrebbe molto senso paragonare tra loro. Pensiamo anche ad altri generi come quello dei cosiddetti sparatutto: ci sono tanti titoli molto diversi tra loro per approccio, gameplay, ambientazione ecc ecc.

Sono solo alcuni esempi, ma ritengo sia lecito aspettarsi la stessa varietà anche in un genere come quello dei camion. Non è detto che ogni nuovo gioco di questa categoria voglia mettersi in concorrenza con ETS2. Di conseguenza nemmeno l’utenza dovrebbe farlo con paragoni forzati, specialmente se è palese che il gioco vuole approcciarsi in maniera differente al genere.

Come spiegato più sotto, Truck Driver non è ancora disponibile su PC, ma le versioni console sono state rilasciate già diversi mesi fa.

I camion secondo Truck Driver

Ecco quindi che Truck Driver non arriva sul mercato proponendosi come il nuovo simulatore definitivo di camion. TD è un gioco di camion che affronta il genere a modo suo, un modo forse più “arcade” se mi passate il termine, ma non per questo sbagliato. Semplicemente è una differente interpretazione del genere, che si propone per un determinato target di utenza. In quanto tale bisogna approcciarsi a lui come gioco diverso, senza i già citati paragoni forzati.

Truck Driver - selezione personaggio

Già la struttura di base del gioco è differente: si parte dalla selezione del proprio personaggio e si gioca in una mappa di fantasia, senza voler riprodurre l’intera Europa o una sua zona in maniera fedele.
C’è un minimo di storyline e l’intero gioco è basato su un sistema a missioni che porta a conoscere e dialogare con diversi personaggi che offriranno lavori al giocatore.
I camion fanno il verso a quelli reali, ma utilizzano marchi e nomi di fantasia.
Il punto in cui fermarsi con il camion per le consegne è studiato in modo che tutti possano completare la missione senza dover fare manovre troppo complicate.
Similarmente anche quando si è alla guida ci sono alcune semplificazioni, dunque l’utente non dovrà cimentarsi nell’uso di retarder, freno motore, splitter ecc.

Già da queste prime info diventa evidente il discorso del differente approccio al genere e al rivolgersi ad una diversa tipologia di utenza.

Ma sono pur sempre camion

Visto che comunque il genere principale è sempre quello, è chiaro che poi ci siano delle similitudini con altri giochi che fanno parte della stessa categoria.
Non stupisce quindi vedere che a bordo del camion le cose siano famigliari per chi ha già giocato altri titoli. Visuale principale dall’abitacolo con possibilità di utilizzare diverse telecamere esterne, comandi per le frecce, luci, tergicristalli, clacson ecc. Necessità di fare rifornimento presso i distributori sparpagliati per la mappa, così come di far riposare l’autista ogni tot, anche qui sfruttando le apposite aree di sosta che si trovano qui e là.

Provato

A questo punto va specificato che Truck Driver non è ancora uscito su PC. Però in occasione del Game Festival di Steam il publisher SOEDESCO ha dato la possibilità di provarne una versione demo per alcuni giorni.
Trattandosi di una versione di prova, ovviamente erano presenti delle limitazioni, ma è stata comunque sufficiente per provare il gameplay e le funzionalità di base del gioco.

Il grosso della prova è stato registrato nell’arco di tre video, di cui metto il primo qui sotto:

Un camion ereditato

Come detto in precedenza, il gioco ha un minimo di storyline. Nello specifico il personaggio interpretato dal giocatore si ritrova per le mani un camion ereditato dal padre e da lì dovrà costruirsi la sua attività. Partire dal nulla per chi non ha mai fatto questo lavoro non è semplice e nelle prime fasi, che fungono da tutorial, sarà lo zio del protagonista ad insegnare le basi del lavoro di trasportatore. In seguito si farà la conoscenza di un primo personaggio che tramite la sua azienda ci offrirà una serie di missioni/trasporti.
La mappa di gioco offre varie aziende con i relativi personaggi/mission giver e quindi interagire con loro, completare le missioni che ci affidano e guadagnare la loro fiducia permetterà di accedere a lavori più impegnativi e renumerativi.
Una cosa degna di nota è che non c’è solo una crescita del giocatore e del suo personaggio (che tra l’altro ha una serie di skill che si possono sbloccare nel tempo) ma anche delle stesse aziende che si svilupperanno man mano che si andrà avanti con le missioni.

il mondo di gioco

Come da prassi, le prime missioni richiederanno spostamenti minimi all’interno della mappa, per poi aumentare le distanze di volta in volta.
A parte questo, il mondo di gioco rappresenta un po’ tutte le situazioni che possono servire quando ci sono i camion in ballo. Si va dal porto ai cantieri edili, passando per zone urbane e altre più rurali ecc.
Questa varietà permette quindi di avere a disposizione una moltitudine di aziende e tipologie di trasporti, così come differenti tipologie di strade. Ad esempio una zona rurale avrà una segheria che quindi farà trasportare legname e sarà raggiungibile tramite strada sterrata. Presso il porto si troverà l’azienda ittica che chiederà di trasportare pesce nell’entroterra e così via.

Nel mezzo di tutto questo, si trovano i distributori dove fare rifornimento di carburante e le piazzole di sosta per far riposare il nostro alter ego.

Da demo a gioco completo

Come detto in precedenza, la versione di prova aveva dei limiti rispetto a quella che sarà la versione completa.
Tra le feature che si vedranno nel gioco completo bisogna anche considerare tutto quanto è stato aggiunto sulle versioni console dal rilascio ad oggi e ovviamente anche ciò che verrà aggiunto prossimamente.

Ad esempio, tra la caratteristiche già presenti ma non incluse nella demo possiamo citare i concessionari dove acquistare altri camion, officine dove effettuare riparazioni e personalizzare i camion tramite l’installazione di accessori e parti aftermarket. Ovviamente poi nel gioco completo saranno presenti molti altri personaggi con le relative missioni e la meccanica che vedrà l’espansione delle aziende presenti nel mondo di gioco man mano che con i propri trasporti si aiuterà l’economia locale.

A questo aggiungiamo un sistema di danni visibili, ovvero con i camion che si ammaccano in seguito ad urti e incidenti, un vantaggio del non essere vincolati dai marchi reali e dalle licenze.

Una delle caratteristiche su cui è al lavoro lo sviluppatore è una versione “2.0” del traffico, che dovrebbe rivedere l’intelligenza artificiale che gestisce i veicoli che si aggirano per il mondo di gioco e contestualmente aumentarne la varietà introducendo nuove tipologie di veicoli.
Un qualcosa di molto gradito, anche perché durante la mia prova si è verificato più di qualche problema con il traffico, che non è risultato troppo brillante.

A tal proposito avrete notato che non mi sono soffermato su eventuali bug e problemi, vista la natura di questa prova. Trattandosi di una demo che non rappresenta il prodotto finale, non trovo corretto evidenziare alcune possibili lacune/problemi emersi in una versione di prova e che potenzialmente potrebbero essere risolte da qui al rilascio.
Quindi per una più approfondita analisi ci daremo appuntamento quando sarà disponibile la versione completa del gioco.

In Truck Driver sarà possibile personalizzare i propri camion

Considerazioni finali

Come detto qualche riga più sopra, un parere preciso sul gioco sarà possibile solo provando la versione completa. La versione demo da me provata aveva tutta una serie di limitazioni che hanno permesso di provare solo una piccola porzione del gioco e delle sue meccaniche.
Nonostante questo, direi che tra quanto scritto, i trailer ufficiali e i miei video di gameplay si possa capire bene la tipologia di gioco e in che modo questo titolo va ad affrontare la tematica dei camion e dei trasporti.
Se vogliamo, possiamo definirlo più gioco e meno simulatore, se lo intendiamo nel senso stretto del termine, ma l’essere meno simulativo in senso assoluto non è necessariamente un male, semplicemente è un modo differente di giocare con i camion. Poi un certo approccio può piacere o meno, ma qui si finisce nel territorio dei gusti personali.

Comunque sia, ben vengano nuovi giochi sui camion e specialmente se si rivolgono a differenti target di utenza, visto che così sarà possibile far avvicinare a questo genere di nicchia anche chi ne è sempre stato lontano perché i titoli precedentemente sul mercato non rispecchiavano i suoi gusti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *